Prevenire gli errori sui motori di ricerca prima di cambiare struttura di un sito.

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Gli evitabili errori sui motori di ricerca dopo aver spostato o cambiato un sito web

Oggi vorrei scrivere di buone abitudini.

Mi capita spesso di lavorare per ha cambiato la struttura al proprio sito, o per chi vuole portare in WordPress un vecchio sito statico (ebbene sì, ne esistono ancora…), o realizzato con strumenti diversi.

Ci si preoccupa solo della parte tecnica riguardante il sito e il suo funzionamento, e ma mai degli effetti collaterali, che potrebbero avere ripercussioni anche importanti.

Come ad esempio gli errori 404, che inevitabilmente si generano ad ogni cambio di struttura, a causa dei vecchi link indicizzati sui motori di ricerca o salvati nei bookmark dei visitatori abituali.

Tutti errori che fanno fare delle pessime figure, causano disagi ai visitatori e, non ultimo, rovinano il posizionamento generale del sito sui motori di ricerca.

Una buona abitudine è proprio quella di prevenire questo genere di errori.

Di norma, il nuovo sito andrebbe sviluppato in un’installazione appositamente dedicata, e non sostituendo di sana pianta il vecchio sito per poi lavorarci sopra.

Prima di sostituire il vecchio sito con il nuovo, è opportuno fare un elenco dei link del sito, soprattutto delle pagine più importanti, e confrontarli con quelli che risulteranno dalla nuova struttura.

Tecnicamente non è difficilissimo, con semplici regole di rewrite, e l’aiuto di espressioni regolari per i casi più impegnativi, è possibile creare i reindirizzamenti necessari alla maggior parte delle situazioni.

In alternativa c’è il plugin Redirection, ma è un plugin che risulta particolarmente pesante, e può influire negativamente sulle prestazioni del sito. Il suo utilizzo è consigliabile solo se proprio non si riesce a risolvere con le regole di rewrite.

Dato che ci siamo, sarebbe opportuno fare un giretto sui Google WebMaster Tools, verificare anche gli errori precedenti, che di sicuro ce ne saranno diversi, e correggere pure quelli.

Tags: , , , , , , ,

6 Risposte a “Prevenire gli errori sui motori di ricerca prima di cambiare struttura di un sito.”

  1. roby 4 Mar 2016 at 07:38 #

    ciao roberto, ho un quesito magari puoi aiutarmi a risolverlo ..

    allora avevo creato una pagina con un url tipo …./pippo-pluto-paperino/ dopo un po di tempo guardando WMT ho notato che la parola esempio pluto era molto in alto come parola chiave ed allora ho cambiato url così …/pippo-paperino/ ora che succede che se clicco sull’url vecchio …./pippo-pluto-paperino/ in automatico vengo re-indirizzato a quello nuovo …/pippo-paperino/ ma come e’ possibile? io non ho fatto il redirect … inoltre quella pagina vecchia vorrei che dia l’errore 404 in questo modo poi viene cancellata …

    che ne dici? grazie!

    • Roberto Rota 4 Mar 2016 at 12:43 #

      Ciao roby,

      WordPress quando cambi url o permalink genera dei redirect automatici per non creare errori 404 sul sito, gestiti direttamente sul database.

      Avevo visto tempo addietro uno snippet per resettare questi redirect, non dovrebbe essere difficile trovarlo in rete, se mi ricapita te lo scrivo qui.

      rob

  2. roberto 25 Giu 2016 at 13:49 #

    ciao rob … ho un pensiero che mi affligge … in rete ho cercato ma una risposta chiara non l’ho trovata .. dunque vecchio sito in HTML … nuovo sito in WP .. il redirect lo posso fare installando il plugin redirection oppure e’ meglio prendere tutte le pagine HTML e fargli fare il redirect alla pagina nuova in WP e quindi su wp non faccio nulla ???

    domandone .. O.o

    grazie!

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram