Un calendario editoriale per WordPress

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Pianificazione editoriale WordPress

Qualche giorno fa parlavamo di come gestire la pubblicazione degli articoli nel modo migliore. O almeno per come la vedo io, secondo la mia esperienza.

Poi mi è arrivata una richiesta di consulenza, una soluzione per un piccolo blog di redazione con WordPress. Pochi autori nello stesso blog (non multisito), un consiglio per gestire al meglio la pianificazione delle pubblicazioni.

WordPress di suo mette a disposizione uno strumento molto semplice ed efficace per pianificare la pubblicazione di articoli, la programmazione.

Però si ferma li, ad una lista di articoli programmati, e questo potrebbe non essere sufficiente in taluni casi. A chi deve gestire la pianificazione per un sito/blog di carattere editoriale, ma anche al blogger più esigente.

Si può fare di più, e possono venire fuori parecchie sorprese anche a chi pensa di non averne bisogno. A me è successo così.

Tornando alla richiesta iniziale, ed essendo un argomento nuovo anche per me, ho fatto una ricerca ed ho individuato due plugin interessanti che ho voluto provare in prima persona, prima di consigliarli.

Il primo è il più semplice, Editorial Calendar, adatto ad un blog singolo autore, o con poche firme da gestire. Semplice ma estremamente efficace, tanto che ho deciso di adottarlo per questo mio blog, e ne sono entusiasta.

Ora, al posto di una lista di titoli con una programmazione difficile da immaginare, mi ritrovo con un calendario di pubblicazioni programmate a tutti gli effetti, anche visivamente, ed è di grande aiuto.

Con il plugin Editorial Calendar è possibile avere in bacheca di WordPress un vero e proprio calendario. Un piccolo ma efficace strumento di pianificazione editoriale.

Programmare e pianificare la pubblicazione degli articoli di WordPress

(per riservatezza, preferisco utilizzare uno degli screenshot originali del plugin, piuttosto di uno screenshot del mio calendario, dove sarebbero visibili i prossimi titoli)

Dal calendario è possibile modificare la programmazione degli articoli, senza aprirli, semplicemente trascinando gli articoli da un giorno all’altro. Se serve, è possibile aprire a fianco del calendario una comoda lista delle bozze e degli articoli in attesa di pubblicazione, ma non ancora programmati, utilissima.

Volendo, gli articoli possono essere modificati tramite un editor veloce, che permette poche modifiche come il titolo o la data e l’ora di pubblicazione, oppure aperti nell’editor di WordPress per modifiche più sostanziali.

Altra cosa davvero degna di menzione: se abbiamo dei post personalizzati, messi a disposizione dal tema in uso, o creati ad arte sfruttando i Custom Post Type, anche questi avranno il loro bel calendario. Come per i prodotti nel plugin WooCommerce, tanto per fare un esempio mica male.

Come ho già scritto, ma vale la pena di sottolinearlo, questo plugin è ottimo per l’uso singolo, o di un piccolo team di lavoro. Per situazioni redazionali più complesse, potrebbe non essere sufficiente.

Per singoli o piccoli gruppi, provare per credere, potrebbe cambiare il modo di interfacciarsi con il proprio blog, a me lo ha fatto in pochi giorni di utilizzo.

Qualche difettuccio c’è, ad esempio un controllo non felice del calendario con la rotella del mouse, ma tutti piccoli difetti che, una volta individuati ed evitati, non sminuiscono più di tanto l’usabilità del plugin.

Il secondo pugin riguarda la gestione di una redazione con WordPress vera e propria , molto più complesso e potente.

Tags: , , , , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. √ Come gestire una redazione su WordPress | Roberto Rota - 26 Dic 2012

    […] abbiamo visto la gestione e pianificazione della pubblicazione di articoli grazie al plugin Editorial Calendar. Abbiamo visto anche come detto plugin sia adatto al singolo […]

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram