WooCommerce: errori da evitare

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Errori WooCommerce più comuni e facilmente evitabili

Dopo tanti interventi di assistenza su e-commerce realizzati con WooCommerce, ho stilato una piccola classifica degli errori più comuni che mi è capitato di dover risolvere.

Buona parte di questi errori riguarda soprattutto e-commerce realizzati in proprio, e fin qui non mi sconvolgo più di tanto.

Ben diverso quando invece si tratta di e-commerce realizzati da terzi, su commissione, e non sono pochi, qui le ingenuità sono decisamente molto meno perdonabili.

I diretti interessati possono provare e sbagliare sulla propria pelle, mossi magari dalla ricerca di una soluzione economica, in qualche modo sono giustificabili.

Per gli addetti ai lavori o presunti tali, invece, non ci sono scuse.

Anche i professionisti non sono esenti da errori, ovviamente, e soprattutto hanno sempre qualcosa da imparare, ma in questo caso alcune situazioni sono davvero insostenibili.

Errori più comuni con WooCommerce

  1. L’errore tipico, più grave di tutti, è non avere un progetto chiaro e preciso prima di affrontare il lavoro. La maggior parte delle complicazioni deriva soprattutto dal lavorare a vista, senza uno schema preciso, senza aver valutato prima esigenze dello store, fattibilità e relative soluzioni.
  2. WooCommerce richiede molte risorse, molte più rispetto al semplice WordPress. Un hosting economico e limitato può essere il freno un mano tirato della situazione, causando pesanti problemi di prestazioni ed il rischio che prima o poi qualcosa si inceppi, per mancanza di risorse.
  3. L’hosting utilizza una versione PHP non più compatibile con i requisiti minimi di WooCommerce, temi e plugin. In molti hosting, anche economici, è previsto il passaggio a versioni superiori con un semplice click, ma nessuno se n’è mai preoccupato.
  4. Nessuno mai si prende la briga di guardare lo Stato del Sistema di WooCommerce, una pagina importante che già di suo offre importanti informazioni su problematiche possibili.
  5. Installare WooCommerce su un sito WordPress già avviato, senza prima verificare la buona salute dell’installazione, database compreso, e soprattutto la compatibilità degli elementi già installati, a partire dal tema.
  6. Tentare di usare un tema non compatibile con WooCommerce.
  7. Il tema non è più compatibile con le nuove versioni di WooCommerce o di WordPress, perché non è mai stato aggiornato, o peggio perché lo sviluppo del tema si è interrotto da tempo.
  8. Alcuni plugin non sono più compatibili con le nuove versioni di WooCommerce o di WordPress, vuoi perché non sono mai stati aggiornati, o peggio perché lo sviluppo dei plugin si è interrotto da tempo.
  9. Non utilizzare un tema child, quando si effettuano modifiche sul tema, causando di fatto i mancati aggiornamenti del tema stesso per paura di perdere le modifiche effettuate.
  10. Plugin di terze parti personalizzati con modifiche del codice, impedendo di fatto il suo aggiornamento e compromettendo la compatibilità con le versioni più recenti di WooCommerce.
  11. Siti di e-commerce che smettono di funzionare per problemi di permessi su file e cartelle, specie dopo un aggiornamento automatico.
  12. Siti di e-commerce che smettono di funzionare, o manifestano problemi anche peggiori, per l’utilizzo di temi e plugin commerciali di dubbia provenienza.

La lista potrebbe continuare, ma per ora fermiamoci alle cose più macroscopiche.

Poi ci sarebbero pure tutti quegli errori dovuti a configurazioni imprecise, improprie o improvvisate, ma qui rischiamo di farci notte…

Tags: , , , , , , ,

2 Risposte a “WooCommerce: errori da evitare”

  1. paolol61Paolo 24 Ott 2016 at 01:27 #

    Ciao Roberto,

    ti scrivo perchè ho riscontrato che durante l’ultimo aggiornamento di woocommerce versione 2.6.6 le spese di spedizione sono state modificate in toto, e nel mio caso non vengono più calcolate sul carrello. E’ per caso un problema che hai riscontrato anche tu? Prima nella precedente versione funzionavano perfettamente, ma con questo ultimo aggiornamento, nonostante abbia configurato correttamente le aliquote, non vengono più calcolate, viene visualizzato un avviso che informa non è disponibile un metodo di spedizione per l’indirizzo inserito… molto strano…. se lo sapevo evitavo l’aggiornamento del plugin, ho scaricato una vecchia versione 2.4.8 rimetto quella.

    Grazie
    Paolo

    • Roberto Rota 24 Ott 2016 at 09:15 #

      Ciao Paolo, no non ho riscontrato nessun problema del genere in tutti i siti che ho aggiornato.

      Sei sicuro che il tema sia aggiornato di recente, e che non ci siano plugin che possano creare conflitti?

      rob

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram