Archivio | WooCommerce

RSS per questa sezione

WooCommerce è uno degli strumenti più apprezzati per la realizzazione di siti professionali di commercio elettronico con WordPress. Contattami per assistenza e consulenza su WooCommerce.

Ripristinare la colonna “Acquistato” negli ordini di WooCommerce 3.0

Ripristinare la colonna prodotti acquistati in elenco ordini WooCommerce

Una delle novità introdotte in WooCommerce 3.0 è stata l’eliminazione, nell’elenco degli ordini, della colonna “Purchased” (Acquistato).

È stata eliminata, dicono gli sviluppatori, per migliorare le prestazioni del sistema, nello specifico della pagina elenco ordini, assieme a tante altre novità introdotte a questo scopo in WooCommerce 3.0.

Molti utilizzatori di WooCommerce però non hanno gradito questa novità.

Per molti la possibilità di visualizzare i prodotti acquistati in ogni articolo,  senza dover necessariamente aprire il singolo ordine, evidentemente era molto comoda, ed hanno cominciato a richiedere a gran voce il ripristino di questa funzionalità.

Per il momento gli sviluppatori fanno orecchio da mercante, le prestazioni sono evidentemente più importanti, e il numero di chi sente la mancanza della colonna Purchased non deve essere così elevato, anche se rumoroso, e magari c’è anche qualche altro motivo che non sappiamo.

Le soluzioni alternative comunque sono cominciate ad arrivare in rete, ecco quindi come ripristinare la colonna “Acquistato” (Purchased) nell’elenco degli ordini di WooCommerce. Continua a Leggere →

WooCommerce 3.0, la farfalla bionica è arrivata

WooCommerce 3.0 nuove gallerie immagini e migliori prestazioni

È disponibile l’attesa nuova versione 3.0 di WooCommerce, per gli amici “farfalla bionica”.

Si tratta di una major release importante, tanto che in Automattic hanno deciso di saltare la numerazione passando oltre la versione 2.7, attesa per metà marzo scorso.

Principali caratteristiche della nuova versione, una nuova gestione della galleria immagini dei prodotti, allo scopo di rendere gli stessi più accattivanti e funzionali specie nella visualizzazione da dispositivi mobili, e prestazioni migliori specie negli store di grandi dimensioni.

Nell’annuncio di rilascio le caratteristiche salienti, che affronteremo meglio nei prossimi giorni, ma nel frattempo non farti prendere dai pruriti dell’aggiornamento facile. Continua a Leggere →

Apple Pay e WooCommerce: ora si può, ma non per tutti.

Apple Pay per WooCommerce con Stripe

WooCommerce ha annunciato la disponibilità di Apple Pay come metodo di pagamento per WooCommerce, grazie alla collaborazione con Stripe.

Funzionerà solamente sui dispositivi Apple più recenti, ovviamente, ma sarà disponibile solo in dieci paesi: Australia, Canada, Svizzera, Spagna, Regno Unito, Francia, Hong Kong, Nuova Zelanda, Singapore e Stati Uniti.

Aggiungono pure che i paesi esclusi non si devono preoccupare troppo, che altre partnership potrebbero estendere le zone di funzionamento in un futuro, speriamo non troppo lontano.

Non dire che non te l’avevo detto… (che aggiornamenti e manutenzione sono importanti)

Aggiornamenti e manutenzione per la sicurezza di WordPress

WordPress 4.7.2 risolve un grave problema di sicurezza, e altri un po’ meno gravi ma pur sempre importanti, Sucuri lo spiega molto bene, seppur in inglese.

Poi c’è l’uso scriteriato di temi e plugin per nulla affidabili, poco testati, o che non vengono più aggiornati da anni.

Aggiungici pure hosting economici, ed installazioni effettuate senza nessuna attenzione alla sicurezza, ed il quadro è (quasi) completo.

Siti aziendali, realizzati da professionisti del settore come dai cugini di turno, abbandonati a se stessi una volta messi on line.

Manutenzione?

Ma quando mai, almeno finché il sito non te lo bucano, o quando l’e-commerce smette di funzionare. Continua a Leggere →

I siti non sicuri secondo Google, se ne parla sulla Newsletter.

Newsletter WordPress e WooCommerce

Ultimo comandamento di Goole: tutti i siti devono andare in HTTPS.

Nella newsletter di ieri abbiamo cominciato ad affrontare la questione dei siti non sicuri, quelli senza il lucchettino verde per capirci, che Google a quanto pare ha deciso di mettere alla gogna.

Se ne discute in rete, e sembra proprio che dalla versione 56 di Chrome, prevista alla fine di gennaio, i siti sprovvisti di un certificato SSL valido (ovvero i siti il cui indirizzo comincia per http e non https), si ritroveranno a fianco dell’URL una bella dicitura “NON SICURO”, bene evidenziata in rosso.

Una gogna vera e propria, per certi aspetti, considerando la diffusione di Google Chrome, e chissà se gli altri browser seguiranno l’esempio, ma a prescindere da questo mettere il proprio sito in sicurezza è comunque importante.

Il problema, ormai, è per chi il lucchettino verde non ce l’ha. Continua a Leggere →

I love Instagram