WooCommerce in Italia: Partita IVA e Codice Fiscale (versione 2.0)

ATTENZIONE: questo articolo è più vecchio di un anno, e potrebbe non essere più attuale, sei pregato di tenerne conto.

WooCommerce: inserire la Partita IVA e il Codice Fiscale

Avevo già accennato del plugin di NetstarSolution per poter inserire i campi “Partita IVA” e “Codice Fiscale” nel checkout di WooCommerce, indispensabili per essere in regola con le normative italiane sul commercio elettronico.

I bravi Luca e Alessio hanno finalmente aggiornato il loro plugin, portandolo alla versione 2.0 e rendendolo perfettamente compatibile con le versioni più recenti di WooCommerce

Hanno apportando anche importanti modifiche, rendendolo molto più completo, ascoltando i diversi suggerimenti proposti dagli utilizzatori, sottoscritto compreso.

Vediamo cos’è cambiato.

  • Interfaccia di amministrazione migliorata, sono stati tolti vecchi elementi di disturbo.
  • Possibilità di definire le etichette dei campi e altre informazioni
  • Ottimizzazione del checkout per privati e aziende
  • Partita Iva e/o Codice Fiscale inseriti un tutte le mail del sistema, sia quelle destinate all’amministrazione che ai clienti
  • Facile integrazione con il plugin WooCommerce Print Invoices & Delivery Notes

Con la nuova versione, il plugin diventa a pagamento, ma è ben poca cosa rispetto la funzione che svolge.

La nuova versione costa infatti 29 Euro per il singolo dominio,  ma sono previste soluzioni anche per 5 e 10 domini, rispettivamente a 59 e 99 Euro.

Ho avuto il piacere di provare il plugin in anteprima, anche in fase di test, e devo dire che è stato fatto un buon lavoro.

Non ho riscontrato nessun problema particolare di compatibilità con i diversi temi e strutture in cui l’ho provato, e lo potete vedere all’opera anche su questo stesso blog.

Per saperne di più, e acquistare il plugin: WooCommerce Partita Iva & Codice Fiscale v 2.0

Che ne pensi?
Domande? Suggerimenti?
Lascia un commento…

Condividi se ti è piaciuto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Maggori informazioni:

Roberto Rota

Roberto Rota

Libero professionista, un "artigiano del web", lavoro nella comunicazione in rete da quando esiste Internet. Mi occupo principalmente di assistenza su WordPress e assistenza e consulenza WooCommerce, seguo la realizzazione di progetti web, in particolare siti di e-commerce, visibilità e comunicazione in rete. Il mio curriculum è su Linkedin, e mi puoi trovare anche su Instagram, FaceBook e Twitter.

CONTRIBUISCI A QUESTO SITO
Se il mio lavoro ti è stato di aiuto,
e vuoi che io continui a publbicare,
contribuisci allo sviluppo di questo sito
con una donazione su PayPal.

13 commenti su “WooCommerce in Italia: Partita IVA e Codice Fiscale (versione 2.0)”

    1. Ciao Luca, grazie per il feedback.

      In effetti è un plugin che può tornare utile, ma a mio avviso per essere “perfetto” dovrebbe avere la possibilità di poter decidere quali variabili mostrare nella scelta, perché non tutte sono utili in diversi siti e potrebbe confondere gli acquirenti.

      rob

  1. Alessandro Marengo

    Grazie per la risposta.
    Solo un’altra domanda: se non ho capito male, oggi come oggi, chi decide di vendere prodotti tramite woocommerce, se non ha questo plugin non sarebbe “in regola”? Fatte salve modifiche al codice come accennato sopra, vendere tramite woocommerce non sarebbe legale in Italia. E’ così?
    Se è così, perchè il plugin di netstarsolution non è sul marketplace woothemes o su qualche altro marketplace più conosciuto? Mi fa specie che questo plugin non abbia lo spazio o la visibilità che merita, vista la sua importanza. E altrettanta preoccupazione desta il fatto che il team Woo non prenda in considerazione questo aspetto per implementarlo nativamente in modo corretto.
    Con questo non voglio dire che il plugin non valga i suoi 29€ richiesti, però mi sembra un accorgimento “tappabuchi”, una feature aggiuntiva che, invece, dovrei trovare già in woocommerce.

    1. Esatto, senza i campi per l’immissione dei dati fiscali in italia non si è in regola.

      Riguardo il resto, WooCommerce è un sistema che nasce su un modello anglosassone, dove la burocrazia fiscale è molto più semplice della nostra per queste situazioni.

      WooCommerce è utilizzabile ovunque, ed è impensabile che gli sviluppatori del core possano tener conto delle normative di ogni paese, sta quindi ai singoli sviluppatori preoccuparsene, in base al paese di provenienza ed ai paesi in cui vuole attivare il suo store.

      In molti paesi gli utilizzatori di woocommerce (lato professionale, consulenti etc) forse più coesi si sono organizzati, mettendo a disposizione una soluzione buona per tutti, da noi non è successo.

      Non so perché gli sviluppatori della soluzione italiana non l’abbiano messo sullo store delle estensioni di woothemes, ma tieni presente che se lo avessero fatto costerebbe di più, la percentuale per lo store sui plugin venduti è del 50%.
      Inoltre, al momento, mi risulta non sia possibile aderire all’area sviluppatori.

      rob

  2. Salve.
    Ho atteso l’evoluzione di questo plugin prima di installarlo.
    Ad oggi, quali alternative esistono oltre a quelle suggerite sopra?
    Grazie.

  3. Ciao, da una parte è un’ottima notizia ma, pur passando per rompiscatole, faccio notare che il plugin non è del tutto compatibile con Print Invoices & Delivery Notes, nel senso che ci stanno ancora lavorando, quindi questi benedetti campi, IVA e Codice Fiscale non li potremo stampare.
    Sul loro blog affermano che ci stanno lavorando.
    Io ormai ho già risolto con l’estensione di WooThemes: Checkout Field Editor e un piccolo plugin che ho creato io stesso per mostrare IVA e Codice fiscale anche sulle mail.
    In realtà esistono anche altri metodi, ma del tutto gratuiti, quindi 29 Euro è poco ma è troppo se consideriamo che non fa il mininimo che dovrebbe fare: gestire i campi aggiuntivi IVA e Codice Fiscale compreso nelle stampe.
    Checkout Field Editor costa di più ma permette di aggiungere infiniti nuovi campi, con regole di validazione eccetera.

    1. Ciao Marco,

      dagli occhi dell’utente più smaliziato capisco il tuo punto di vista, e sono d’accordo che possono esserci soluzioni più evolute, ma che richiedono una certa padronanza e capacità di sviluppo, o per lo meno di poter addentrarsi nel codice.

      Per l’utente “normale”, invece, la trovo una soluzione ottimale, facile e dal costo contenuto.

      Il discorso relativo al plugin print invoices & delivery notes è un qualcosa di aggiunto, ma che non viene utilizzato da tutti, e comunque per quello che ho visto sono sulla buona strada per accontentare anche questi utilizzatori.

      rob

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cerca nel sito:

Assistenza specializzata WordPress e WooCommerce

Altri articoli

Mandami un messaggio

Ciao, come posso aiutarti?