Acquisti sul web: computer o smartphone?

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Aumentare gli acquisti da smartphone e tablet

L’utilizzo del web da dispositivi mobili, smartphone e tablet, è in costante aumento, ma sembra che per gli acquisti sul web il computer tradizionale sia ancora lo strumento preferito.

Probabilmente dipende anche da una maggiore  sensazione di sicurezza, un elemento che gli smartphone ancora non riescono a infondere completamente negli utilizzatori.

I computer desktop, inoltre, sembra che agevolino maggiormente il confronto tra le offerte e la ricerca del prezzo migliore.

Certi carrelli infine, visti da smartphone, potrebbero far passare la voglia anche all’acquirente più compulsivo.

Seppur importante, quest’ultimo fattore non incide così tanto come alcuni vorrebbero far credere, perché la resa degli utilizzatori arriva spesso prima.

Nonostante questo, non dobbiamo assolutamente sottovalutare il sempre maggior utilizzo dei dispositivi mobili, e la percentuale degli utilizzatori che fa shopping anche da mobile, per quanto piccola, è destinata a crescere.

Nel nostro piccolo, possiamo contribuire a migliorare questa situazione, a nostro vantaggio.

Per la poca predisposizione dei dispositivi mobili al confronto tra venditori e offerte diverse, possiamo fare ben poco.

Poter avere più finestre sul mondo aperte contemporaneamente, comodamente seduti con una tazzina di caffè, è una situazione tipica dei computer da tavolo, difficilmente replicabile sui dispositivi mobili.

I meno giovani ricorderanno sicuramente lo slogan/tormentone da Carosello, che caratterizzava un noto formaggio italiano. Nella sua semplicità, o scontatezza se vogliamo, nasconde riflessioni importanti.

Un’azienda conosciuta, un marchio noto, con feedback positivi e una buona comunicazione, di certo influisce ad aumentare la sensazione di sicurezza da parte dei possibili clienti.

Quando si tratta di aziende meno note, chiarezza e garanzie in tutti gli aspetti del percorso di acquisto, resi compresi, e la certezza di un interlocutore professionale e presente, predispongono positivamente all’acquisto.

Bisogna guadagnare la fiducia dei consumatori.

Reputazione e fiducia dei consumatori: per quanto le cose siano collegate tra loro, in molti casi il brand non riflette necessariamente le sue qualità sui servizi web, e allo stesso temo servizi web non all’altezza possono vanificare una reputazione faticosamente guadagnata.

Possiamo lavorare sulla reputazione del brand, espressione che va tanto di moda di recente, come pure su quella dello store e dei singoli prodotti, gli strumenti non mancano.

La Brand Reputation è una materia che va studiata a fondo, nel caso vogliate approfondire vi rimando alla professionalità di Riccardi Scandellari, un vero guru in materia.

La fiducia, inoltre, va conquistata.

Un rapporto chiaro con i clienti, fatto di garanzie e di una buona comunicazione diretta, possono elevare quella sensazione di fiducia e sicurezza che l’acquirente deve percepire, prima di procedere con l’acquisto.

Qui non c’è tutorial che tenga, ogni situazione è diversa dalle altre, non ci dobbiamo aspettare bacchette magiche. Bisogna lavorare tantissimo su noi stessi, sui nostri rapporti con il prossimo e sulla nostra comunicazione.

Gli slogan possono avvicinare, ma non incantano nessuno.

Tirano di più i grandi sconti, come le grandi tette, ma se non si instaura un rapporto fiduciario il cliente se ne va altrove.

Percorsi facili, lineari, con pochi click.

La soglia di attenzione è importante anche negli acquisti sul web.

Tempi di attesa troppo lunghi, o troppi passaggi per il completamento di un acquisto, possono aumentare il numero dei carrelli abbandonati.

Le procedure di acquisto vanno testate a lungo, ottimizzate il più possibile, ed il feedback dei clienti (o possibili tali) è determinante.

È statisticamente dimostrato che una migliore interfaccia, ottimizzata per i dispositivi mobili, agevola l’esperienza di acquisto dell’utente anche con questi dispositivi, aiutando nel concretizzare in un percorso costellato di indecisioni.

Agevolare la semplicità, la chiarezza e la fluidità del percorso di acquisto.

Parlando di WordPress e WooCommerce, la valutazione del carrello e la sua ottimizzazione per i dispositivi mobili dovrebbe essere tra i primi requisiti nella scelta di un tema.

Riguardo reputazione e fiducia, però, non c’è tema che tenga, dipende tutto da te.

E tu che fai per migliorare la fiducia dei clienti nei tuoi confronti?

Powered by Pizza & Birra!

Questo blog è alimentato a pizza e birra.
Se ti ho risolto qualche problema, puoi ricambiare offrendomi una pizza e una birra, con una donazione tramite PayPal. Naturalmente brinderò alla tua salute!

PS: non ti scordare, iscriviti alla newsletter!

Tags: , , , , ,

Nessun commento ancora.

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

Pin It on Pinterest