Archivio Tag: tiscali

Dimmi che SMTP usi e ti dirò chi sei… (errori SPF con mail inviate a Tiscali)

Posta elettronica di qualità

Il cliente vuole il massimo della qualità nella sua posta elettronica. Vuole che il suo dominio goda del massimo della reputazione, nessuna sua mail deve finire con il marchio infamante dello spam.
Quindi vai di tutte quelle tecniche che ti permettono di tenere alto il buon nome del di lui dominio e server di posta, quindi verifica che l’IP del server mail sia “pulito”, ossia niente blacklist, sistema per benino i DNS con Reverse Lookup e SPF, dato che ci sei mettici pure le firme DomainKeys, testa il tutto e goditi soddisfatto il risultato della tua opera, che ne hai ben donde.

Anche il cliente è soddisfatto.

Poi ti chiama incazzato nero, Tiscali gli ha rifiutato una mail con il seguente errore:

These recipients of your message have been processed by the mail server:
destinatario@tiscali.it; Failed; 5.3.0 (other or undefined mail system status)

    Remote MTA imp-1.mail.tiscali.it: network error

 - SMTP protocol diagnostic: 550 5.1.0 <mittente@dominio.it> SPF Failed - not authorized

C’è da dire che Tiscali, sugli SPF della posta in arrivo, è incarognito forte (peccato non lo sia altrerttanto nella posta in uscita), ma questo non sposta i termini del problema.

Il fatto è che il cliente, per i fatti suoi, ha pensato bene di configurare come server SMTP quello permesso dalla connettività, come si usava una volta, e non quello del suo server mail, vanificando così qualsiasi lavoro fatto per qualificare il dominio di posta elettronica.

C’è da dire che, più o meno, con tutto il resto del mondo le mail vengono consegnate lo stesso, al massimo ti viene assegnato qualche punto positivo ma difficilmente vieni marcato come SPAM. Non con Tiscali, se hai pubblicato un record SPF nei tuoi DNS con l’opzione “disallow”, e non stai utilizzando gli SMTP dichiarati, Tiscali ti rifiuta le mail.
A dirla tutta, Tiscali non fa altro che mettere in praticaalla lettera  le istruzioni pubblicate nei DNS, come sarebbe giusto del resto, altrimenti a che servono?

Morale della favola: se hai DNS e server mail ben configurati, specie se configurati con severità, o un provider che ci tiene al buon nome della posta che esce dai suoi server, usa il server di posta in uscita del tuo servizio di posta elettronica, e non quello della connettività, e insisti se qualcuno cerca di farti fare il contrario. La tua posta elettronica sarà più felice, e avrai meno problemi di consegna.

Utilizzare i server di posta in uscita della connettività era una pratica utilizzata quando le linee erano analogiche, delle vere tartarughe, lo consigliavano anche i provider che ti vendevano il servizio di posta elettronica, così loro risparmiavano banda (molti lo fanno ancora sempre per lo stesso motivo), ma con l’aumentare dello spam e l’innalzamento delle relative barriere difensive è diventato controproducente per la qualità delle mail in uscita, e di conseguenza i recapiti diventano più difficili. Già non si ha mai la certezza assoluta  che un messaggio di posta sia consegnato, se ci si mette di impegno per ridurre queste possibilità è come darsi la zappa sui piedi.
Vale anche se non si utilizzano protocolli particolari come SPF e Domainkeys, le mail che escono dal server SMTP del  dominio sono sempre le più gradite.

Ciao, come posso aiutarti?
Powered by