Archivio Tag: Strumenti WordPress

Cosa sono e come si usano i Custom Post Types di WordPress

Come usare i Custom Post Types di WordPress

Comprendere i meccanismi di WordPress è importante. Sia per riuscire ad amministrare al meglio il nostro CMS preferito, sia per poterci lavorare in modo professionale ed essere in grado di sfruttarne più possibile le potenzialità.

Parlando di potenzialità, i Custom Post Types sono un elemento cardine di molte personalizzazioni, sia estetiche che funzionali. Anche senza conoscerli, li ritroviamo nella pratica di molti temi, specie i più professionali, e in molti plugin.

Un esempio fra tutti, i prodotti di un plugin per l’Ecommerce come WooCommerce, che sono sì dei post, ma che di fatto non vengono elencati nell’elenco dei post di WordPress, ma in una lista a parte, e sfruttata per la sezione Ecommerce di un sito.

È solo un esempio, ma credo sia abbastanza significativo per capire quanto sia importante conoscere i meccanismi di WordPress, se si intende lavorarci seriamente.

Per conoscere meglio cosa sono e come si usano i Custom Post Types c’è ovviamente, come prima risorsa, la pagina dedicata nel codex di WordPress.

Poi visto che io non è che sia la persona più adatta a scrivere di cose riguardanti la programmazione, voglio segnalare una serie di articoli in italiano a mio parere davvero ben fatti, comprensibili anche a chi non è uno sviluppatore particolarmente capace o di mestiere, ad opera di Giustino Borzacchiello su Your Inspiration Web.

Primo fra tutti Custom Post Type: come strutturare i nostri contenuti?, che riesce a dare un’infarinatura sui Custom Post Types anche a chi non si occupa di programmazione web.

Sempre sullo stesso sito, e dello stesso autore, ci sono risorse molto interessanti sull’argomento Custom Post Types, consigliate per approfondire.

Buona lettura…

Ricerca e riparazione dei link rotti e degli errori 404 con WordPress

Tanti anni di nuove pagine all’attivo, ricche di collegamenti, sia interni che esterni, in un sito è inevitabile con il tempo che molti di questi vadano persi per strada. Di più quelli esterni, ovviamente, meno controllabili, ma anche i link interni non sono da sottovalutare. Pagine modificate, spostate o dismesse sono all’ordine del giorno diventano fastidiosi errori 404. Un problema che chiunque voglia un sito ben inserito nei motori di ricerca dovrebbe evitare come la peste.

Come aggiustare gli Errori 404 con WordPress

Non solo siti e blog datati, quello dei link rotti e degli errori 404 riguardano anche altre situazioni. Come quando si decide di rifare di sana pianta il sito, o quando tocca metter le mani su un vecchio sito, magari fatto da altri per attualizzarlo, tipico esempio un sito statico da convertire in qualcosa di più moderno e dinamico, grazie a WordPress o altri CMS. Una cosa che mi capita di frequente.

Qui oltre ai collegamenti che inevitabilmente si perdono nelle modifiche strutturali, tocca anche guardare eventuali link rotti già da prima. O almeno bisognerebbe, questo è ciò che penso io, ed è quello che io faccio sempre, specie se si tratta di un lavoro per terzi, anche solo per scrupolo nei confronti del committente, e per evitarmi brutte sorprese/figure poi.

Se l’argomento può interessare, ecco come faccio io.
Continua a Leggere →

Ciao, come posso aiutarti?
Powered by