Archivio Tag: SPAM

Quando la newsletter finisce nella posta indesiderata

Newsletter in SPAM impostare i DNS corretti

Stai utilizzando un servizio di newsletter professionale, ma le tue newsletter finiscono comunque nello SPAM, nella posta indesiderata?

Magari non tutte, ma se succede anche solo per pochi destinatari è sempre un grande fastidio se non peggio, delle occasioni mancate di contatto o di business.

Il problema potrebbe essere che non hai configurato i tuoi DNS in modo appropriato, seguendo le indicazioni del servizio di newsletter.

Servizi come MailChimp (il mio preferito), AWeber o MailUp, giusto per citare qualcuno tra i più noti, offrono buone garanzie di consegna, ma occorre attenersi alle loro indicazioni tecniche per ridurre al minimo il rischio di finire nelle famigerate cartelle di posta indesiderata.

In parole povere, se le tue newsletter vengono inviate con un indirizzo del tuo dominio, come avviene nella maggior parte dei casi, devi avvisare gli antispam dei destinatari che il servizio che stai utilizzando è autorizzato ad inviare posta elettronica per il tuo dominio. Continua a Leggere →

Come cancellare tutti i commenti di WordPress

Eliminare commenti SPAM in WordPress

Il tuo WordPress è invaso da fastidiosi commenti di SPAM?

A me capita spesso di entrare in WordPress lasciati a loro stessi, e trovarvi decine di migliaia di commenti, a volte anche centinaia di migliaia, quasi sicuramente tutti SPAM.

Tutti commenti che vanno a pesare inutilmente sul database, se non pubblicati, o peggio anche sulla reputazione del sito, se pubblicati.

C’è poco da fare in questi casi, tocca ripulire il database e ricominciare da capo, gestendo correttamente i commenti e attivando qualche piccola ma efficace precauzione antispam.

Impensabile cercare di cancellarli dall’amministrazione dei commenti di WordPress.

Vediamo allora come cancellarli rapidamente, e dato che ci siamo vediamo pure come proteggersi dai commenti di SPAM. Continua a Leggere →

Il Greylisting è sempre un valido strumento per la lotta allo SPAM?

Server Mail e AntiSPAM efficaci

Qualche anno fa scrivevo di Greylisting, tecnica antispam discussa ma a mio avviso molto efficace, allora e credo pure oggi, in determinate situazioni.

Unita ad una configurazione accurata del server SMTP e dei DNS, meglio se in combinazione con altri sistemi antispam come SPF, DomainKeys e (con molta attenzione) ai server RBL, si possono ottenere dei risultati davvero apprezzabili. Continua a Leggere →

L’importanza della password

Posta Elettronica e Sicurezza

A causa di una password banale e troppo facile, in un account creato per dei test e infine dimenticato, un server mail ha sfornato oltre 900.000 (novecentomila!) mail di SPAM in un fine settimana. Non tutte inviate per fortuna, i sistemi di sicurezza ed un intervento mirato hanno bloccato ed eliminato le code.

Ne sono uscite comunque abbastanza, ed ora il server mail si ritrova in tutte le RBL (blacklist) conosciute e non, comprese quelle usate dal Vaticano e dai provider dello Zimbabwe.

Non mi mancherà il lavoro a ferragosto…

Perché non si devono usare autorisponditori o inviare automaticamente conferme di lettura?

Tecniche SPAM - Invio Massivo Posta elettronica

Semplice, per non regalare il tuo indirizzo di posta elettronica agli spammer.

Per dirla con parole povere, per gli spammer esistono due tipi di indirizzi mail: quelli che non hanno la certezza che esistano, indirizzi tirati a caso in un dominio o rubati da qualche rubrica, e quelli che invece sono “verificati”.
Ovviamente ai fini di una campagna di SPAM gli indirizzi verificati hanno un valore molto più alto degli altri, sono quelli che danno il “valore aggiunto” nelle liste di indirizzi che vengono vendute in rete.

Un autorisponditore, quelli che si usano per avvisare di ferie e simili, o inviare la conferma di lettura in automatico, spesso e volentieri contribuisce a fornire questa verifica di “esistenza in rete”. E lo spammer gioisce.

Non sono gli unici strumenti che gli spammer hanno a disposizione, ma tanto vale partire dai fondamentali. Molti altri sono integrati nella mail di spam che si ricevono e magari li approfondiremo in un secondo tempo.

I love Instagram