Archivio Tag: Mail

Aggiungere un destinatario alle notifiche mail di WooCommerce

A volte, per motivi di gestione dello store, può tornare utile aggiungere un destinatario alle mail di notifica di WooCommerce.

Un barbatrucco veloce e funzionale è quello di utilizzare uno snippet, poche righe di codice, ed una volta inserito una copia di tutte le mail di notifica di WooCommerce viene inviata all’indirizzo specificato.

Come al solito, lo snippet che segue va copiato nel file functions.php del tema in uso. Continua a Leggere →

Il Greylisting è sempre un valido strumento per la lotta allo SPAM?

Server Mail e AntiSPAM efficaci

Qualche anno fa scrivevo di Greylisting, tecnica antispam discussa ma a mio avviso molto efficace, allora e credo pure oggi, in determinate situazioni.

Unita ad una configurazione accurata del server SMTP e dei DNS, meglio se in combinazione con altri sistemi antispam come SPF, DomainKeys e (con molta attenzione) ai server RBL, si possono ottenere dei risultati davvero apprezzabili. Continua a Leggere →

Cambiare mittente delle mail di WordPress

Se è il tuo blog poco male, sai che sono le mail che arrivano dai moduli di contatto, o le notifiche di nuovi commenti, e ci fai poco caso al fatto che il mittente sia “WordPress” e l’indirizzo mail sia molto simile a “wordpress@dominio.com”.

Se però parliamo di un lavoro, di un sito che stai realizzando per un cliente, beh questi particolari possono avere la loro importanza, ed a volte anche la differenza.

Per fortuna, molti di questi dettagli possono essere risolti facilmente, con piccoli interventi di modifica. Continua a Leggere →

Google Apps, da oggi solo a pagamento

Google Apps solo a pagamento dal 8-12-2012

Una mail da Google a tutti i gli utilizzatori del servizio Google App in versione gratuita:

A partire da oggi, non accettiamo più nuove registrazioni per la versione gratuita di Google Apps, ovvero per la versione che utilizzi attualmente. Poiché sei già nostro cliente, questo cambiamento non ha alcuna conseguenza sui servizi di cui usufruisci e puoi continuare a utilizzare Google Apps gratuitamente.

In parole povere, quello che prima era possibile fare gratuitamente, cioè portare un dominio gratuitamente su Google Apps, fino ad un massimo di 10 utenti, dall’8 dicembre 2012 non si può più fare. Chi volesse usufruire del servizio deve pagare, 4 Euro al mese per utente, o 40 Euro l’anno, sempre per utente.

La buona notizia è per chi il servizio gratuito già lo stava utilizzando, tipo il sottoscritto 🙂 , che potrà continuare a farlo senza problemi, e sempre gratuitamente. Sperando che prima o poi non cambino idea anche su questo…

Per maggiori informazioni, vedi il supporto italiano di Google.

A scanso di equivoci, visto che più d’uno me lo ha già chiesto, questo non vuol dire che gli indirizzi mail @gmail.com diventano a pagamento. Per i noti indirizzi mail gratuiti di Google rimane tutto come prima.

Personalmente ho portato su Google App in versione gratuita diverse piccole aziende e professionisti, oltre ad averlo consigliato a parecchi, sia direttamente che sul web. Probabilmente qualcuno ora si morde le dita…

And the winner is… Google Apps!

Google AppOra che sono libero da “condizionamenti aziendali”, posso finalmente dire la mia su quello che, a mio avviso, è il miglior servizio di posta elettronica. Quello dove io metterei le mie caselle, che è poi quello che ho fatto ora, che volente o nolente mi sono trovato a dover cambiare Internet Provider.

Ebbene sì, il servizio di posta elettronica (e non solo) di Google alla fine si dimostra il migliore, per caratteristiche e funzionalità, anche per chi deve gestire le caselle di un dominio, senza considerare che Gmail dispone del miglior servizio antispam in circolazione.

Le singole mail gmail.com le conoscono oramai tutti, e tra le mail gratuite non temono confronti, quello che non tutti sanno è che è possibile trasferire su Gmail, e più precisamente su Google App, tutto un dominio di posta, e che è gratuito fino a 10 account.

Google App, posta elettronica e non solo, gratuita con dei limiti (pochi) ed a pagamento, versione business.

Ci ritorneremo, sicuramente…

I love Instagram