Archivio Tag: Gmail

Google Apps, da oggi solo a pagamento

Google Apps solo a pagamento dal 8-12-2012

Una mail da Google a tutti i gli utilizzatori del servizio Google App in versione gratuita:

A partire da oggi, non accettiamo più nuove registrazioni per la versione gratuita di Google Apps, ovvero per la versione che utilizzi attualmente. Poiché sei già nostro cliente, questo cambiamento non ha alcuna conseguenza sui servizi di cui usufruisci e puoi continuare a utilizzare Google Apps gratuitamente.

In parole povere, quello che prima era possibile fare gratuitamente, cioè portare un dominio gratuitamente su Google Apps, fino ad un massimo di 10 utenti, dall’8 dicembre 2012 non si può più fare. Chi volesse usufruire del servizio deve pagare, 4 Euro al mese per utente, o 40 Euro l’anno, sempre per utente.

La buona notizia è per chi il servizio gratuito già lo stava utilizzando, tipo il sottoscritto 🙂 , che potrà continuare a farlo senza problemi, e sempre gratuitamente. Sperando che prima o poi non cambino idea anche su questo…

Per maggiori informazioni, vedi il supporto italiano di Google.

A scanso di equivoci, visto che più d’uno me lo ha già chiesto, questo non vuol dire che gli indirizzi mail @gmail.com diventano a pagamento. Per i noti indirizzi mail gratuiti di Google rimane tutto come prima.

Personalmente ho portato su Google App in versione gratuita diverse piccole aziende e professionisti, oltre ad averlo consigliato a parecchi, sia direttamente che sul web. Probabilmente qualcuno ora si morde le dita…

Passare a Google Apps e vivere felici

Come passare a Google AppsVe lo avevo già detto che i servizi di Google, Gmail in testa, mi piacciono davvero tanto? Secondo me si… Tutto l’insieme, con le Apps di Google a disposizione, lo trovo davvero molto funzionale.

Su Google Apps (versione gratuita per meno di 10 account) ho passato tutte le mie caselle e i miei domini di posta, da quando non lavoro più per un ISP, e quasi quasi mi pento di non averlo fatto prima. Ho consigliato/aiutato per lo stesso passaggio diverse persone e aziende, chi per la versione gratuita, chi per quella a pagamento.

La versione Business non è economicissima? Vero fino ad un certo punto. Vero se si considera solo il servizio di posta elettronica, come purtroppo fanno molti, mica tanto vero se si guarda tutto l’insieme delle Google Apps. A livello aziendale, sfruttando tutte le potenzialità di collaborazione e condivisione che indubbiamente offrono, a mio avviso il prezzo degli account Google Apps for Business è ben ripagato.

La scusa per questo post, è che mi è arrivato via mail questo documento direttamente da Google: Come passare a Google Apps (PDF), magari interessa a qualcuno. Nessuna marchetta, solo il piacere di condividere la soddisfazione verso un buon prodotto…

😉

La sincronizzazione quasi perfetta

Sincronizzare dati tra OSX, iOS e Android

La convivenza tra Mac, iPad e Android sta diventando sempre più agile e felice, e soprattutto più produttiva, grazie a sincronizzazioni incrociate tra iCloud e Google.

I calendari si sincronizzavano bene anche da prima, il mio calendario principale è quello di un account gmail che i calendari di iOS e OS X gestiscono senza problemi da diverso tempo.

I contatti fino a qualche giorno fa richiedevano pratiche laboriose, che non si potevano propriamente definire una sincronizzazione a meno di non ricorrere a giri strani utilizzando le impostazioni di un account Exchange, soluzione spesso problematica, o qualche app di terze parti. Ora si contatti sono felicemente sincronizzati senza tanti giri trasversali, grazie all’adozione da parte di Google del protocollo CardDAV. Qui è spiegato tutto (in inglese) e c’è un link con le istruzioni, molto semplici, per configurare iOS alla bisogna.

I preferiti rimangono lo scoglio ancora da superare, ma per me non rappresentano un grosso problema. Io sincronizzo solo tra i Mac e l’iPad con iCloud, sull’Android mi viene faticoso navigare sullo smartphone, anche se le dimensioni del display del Galaxy S2 sono abbastanza generose.

(Photo credits: AP Photo/Mike Fiala)

And the winner is… Google Apps!

Google AppOra che sono libero da “condizionamenti aziendali”, posso finalmente dire la mia su quello che, a mio avviso, è il miglior servizio di posta elettronica. Quello dove io metterei le mie caselle, che è poi quello che ho fatto ora, che volente o nolente mi sono trovato a dover cambiare Internet Provider.

Ebbene sì, il servizio di posta elettronica (e non solo) di Google alla fine si dimostra il migliore, per caratteristiche e funzionalità, anche per chi deve gestire le caselle di un dominio, senza considerare che Gmail dispone del miglior servizio antispam in circolazione.

Le singole mail gmail.com le conoscono oramai tutti, e tra le mail gratuite non temono confronti, quello che non tutti sanno è che è possibile trasferire su Gmail, e più precisamente su Google App, tutto un dominio di posta, e che è gratuito fino a 10 account.

Google App, posta elettronica e non solo, gratuita con dei limiti (pochi) ed a pagamento, versione business.

Ci ritorneremo, sicuramente…

Ciao, come posso aiutarti?
Powered by