Velocizzare WordPress: ridurre le query al database del tema

Ultima modifica il 11 Novembre 2012

ATTENZIONE: questo articolo è più vecchio di un anno, e potrebbe non essere più attuale, sei pregato di tenerne conto.

modificare wordpressSe si ha la possibilità di monitorare le connessioni e le query al database del proprio blog in WordPress (ma non solo),  si rimane sconcertati dalla quantità di richieste che vengono evase ogni qualvolta si apre una pagina o un post, ed il numero delle query può cambiare tantissimo da tema a tema, per non parlare del numero di plug-in utilizzati ma questa è un’altra storia.

Ridurre al minimo indispensabile il numero delle interrogazioni al database può portare ad un sensibile incremento delle prestazioni, o meglio, può ridurre di molto i tempi di attesa tra una query ed un’altra, con conseguente apprezzabile velocizzazione del caricamento delle pagine per il visitatore, che sicuramente ringrazierà.

Se si vanno ad aprire le pagine in PHP che compongono un tema, con un minimo di conoscenza del codice e di HTML è molto facile individuare tutte quelle parti che possono essere sostituite riferimenti statici.
Link, menu, nome del blog e il suo sottotitolo, logo e molte delle immagini sono in genere richiamati da una query PHP, ed è giusto che sia così altrimenti sarebbe più complicato installare e personalizzare WordPress. Queste sono solo le prime cose, ma via via che aumenta la confidenza con il codice si può fare davvero molto.

Prima di cimentarsi, fidarsi (delle proprie capacità) è bene ma non fidarsi è meglio, conviene quindi fare sempre una copia di backup dei files che si va a modificare..

Che ne pensi?
Domande? Suggerimenti?
Lascia un commento…

Condividi se ti è piaciuto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Articoli correlati:

Roberto Rota

Roberto Rota

Libero professionista, un "artigiano del web", lavoro nella comunicazione in rete da quando esiste Internet. Mi occupo principalmente di assistenza su WordPress e assistenza e consulenza WooCommerce, seguo la realizzazione di progetti web, in particolare siti di e-commerce, visibilità e comunicazione in rete. Il mio curriculum è su Linkedin, e mi puoi trovare anche su Instagram, FaceBook e Twitter.

DAI IL TUO CONTRIBUTO

Se il mio lavoro ti è stato di aiuto, contribuisci alla continuità di questo sito.
Basta una piccola donazione su PayPal, una pizza e una birra alla tua salute!

3 risposte

  1. ciao, per un sito medio-piccolo, diciamo con una quindicina di pagine, qual’è un normale numero di query?

    1. Non è una questione di numero di pagine del blog, ma di numero di query effettuate durante il caricamento di una pagina. Di solito si prende la home come riferimento, ma calcolare anche nelle pagine e negli articoli non è una brutta idea.

      Il numero di query dipende da quanti plugin hai installato, e ovviamente dal tema usato.

      WordPress nudo e crudo effettua poco meno di un centinaio di query per pagina se non ricordo male, io quando una pagina supera le 200 query mi preoccupo seriamente.

      Rob

  2. Pingback: Velocizzare WordPress: ridurre le query al database del tema | RobRota | Do U Com?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao, mi chiamo Roberto...

Mi occupo di progetti web, in particolare siti di e-commerce, ed aiuto molte aziende e professionisti a comunicare e vendere grazie ai loro siti web. 
Conosciamoci meglio…

Hai bisogno di aiuto o maggiori informazioni su questo articolo? Contattami:

Altri articoli

Rimaniamo in contatto!

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere maggiori informazioni, consigli e barbatrucchi per migliorare la gestione del tuo sito e la tua esperienza sul web.

Riceverai una mail con un link per confermare la tua iscrizione.

Ciao, come posso aiutarti?