La mamma di tutti i guai con WordPress

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Perché WordPress non funziona più

Ho stilato una mia piccola e personale classifica delle principali cause di guai con WordPress, almeno secondo la mia esperienza:

  1. Prove a casaccio di temi e plugin su siti in produzione.
  2. Cattiva manutenzione, quando non è del tutto assente.
  3. Aggiornamenti di WordPress, temi e plugin, effettuati frettolosamente e senza un minimo di precauzioni.

I problemi di sicurezza, paradossalmente, in percentuale hanno un impatto quasi trascurabile.

La considerazione peggiore è che questi comportamenti riguardano indistintamente siti e blog personali, dove il fai-da-te improvvisato è più comprensibile, tanto quanto siti aziendali ed e-commerce, dove le attenzioni dovrebbero essere decisamente maggiori, e dove i danni di un down del sito hanno conseguenze pesantissime.

Se i proprietari usassero sui loro WordPress la metà delle attenzioni attenzioni che hanno verso le loro automobili, tutti dormirebbero sonni più tranquilli.

Con una buona manutenzione i siti lavorerebbero meglio, sarebbero più produttivi, e si risparmierebbe un bel po’ di soldini in costosi interventi  di assistenza che, il più delle volte, assomigliano a dei veri e propri interventi di rianimazione.

Tags: , , , ,

8 Risposte a “La mamma di tutti i guai con WordPress”

  1. Alessandro Marengo 11 Giu 2014 at 21:03 #

    Quindi…? Aggiornare sì o aggiornare no? Qual è il consiglio pratico? Non ho capito… 😉

    • Roberto Rota 11 Giu 2014 at 23:30 #

      In realtà non c’è un consiglio pratico, ogni installazione è diversa dalle altre, ma solo una serie di considerazioni.
      In linea di massima sono sempre gli stessi suggerimenti, aspettare di aggiornare qualche giorno, se non ci sono particolari urgenze di sicurezza, per informarsi su eventuali problemi.
      Ogni installazione è diversa dalle altre, l’hosting cambia, come anche le compatibilità con temi e plugin, e le incognite non sono mai le stesse.

      Poi ci sono le precauzioni: essere pronti a rimediare ad eventuali problemi, ma pure avere un backup fresco a portata di mano per i casi più critici, ed essere certi di sapere cosa fare per ripristinarlo.

      Una situazione critica, per concludere, ha un valore differente (in termini economici) da sito a sito. Se per un blog non troppo frequentato qualche giorno di fermo tecnico è un problema relativo, per un sito aziendale o peggio un e-commerce può essere un danno significativo.

      E poi c’è tutto un discorso che si potrebbe fare sulla manutenzione, ma diventerebbe complicato da trattare in un solo commento.

      rob

      rob

      • Alessandro Marengo 12 Giu 2014 at 07:08 #

        Grazie per il chiarimento Robe, sottoscrivono appieno ogni riga. E relativamente alla manutenzione… attendo un tuo post! 😉

  2. Felice 17 Giu 2014 at 12:13 #

    Ciao Roberto.
    Nella mia personale esperienza i problemi con WP li ho avuti qualche anno fa quando, in un’occasione avevo evitato l’aggiornamento e poche settimane dopo il CMS era stato ‘bucato’, un’altra volta (mi auguro l’ultima…) ho sbagliato io a “maneggiare” un plugin che sostanzialmente ha aperto delle porte che puntualmente hanno fatto entrare l’hack di turno.

    Concordo con te di aspettare magari qualche giorno (ma non troppi…) prima di eseguire gli update, a volta infatti è capitato che se ne siano susseguiti 2 a distanza di brevissimo tempo per correggere un bug presente nell’aggiornamento più recente.

    A meno che non si abbiano approfondite conoscenze in PHP, JS, etc. e sul codice di WP e decidere cosa e quando aggiornare, gli update sono comunque indispensabili quando ci si affida ad un CMS o sistema operativo, etc.
    La manutenzione del database è fondamentale.
    Personalmente comunque non posso che essere soddisfatto.

    A presto.

  3. arturo 17 Nov 2014 at 21:47 #

    salve,
    volevo sottoporle il mio problema:
    in sostanza nella versione wordpress installata che è la 4.0 manca un’opzione e cioè il tasto “editor” sotto il menù “aspetto”. questa cosa mi sta facendo drizzare i capelli perchè tra l’altro non riesco a far verificare il sito a google vista la mancanza di questo tasto, perchè tutte le guide presenti su internet danno come procedura quella di aprire “l’editor” sotto “aspetto” ed inserire tra gli head il codice di verifica google.la prego mi dia una mano! come posso risolvere.il mio hosting è 1&1. grazie infinite!

    • Roberto Rota 17 Nov 2014 at 22:02 #

      Ciao Arturo, la possibilità di editare i files è attiva di default in tutte le versioni di WordPress.
      Viene consigliato di disattivarla per sicurezza, anche se pochi lo fanno, ma per farlo occorre modificare il file delle funzioni del tema in uso, o intervenire direttamente negli script di WordPress.
      Qualche tema la disattiva, e ho letto che lo fa anche qualche procedura di installazione di WordPress nei pannelli di controlli di alcuni provider, ma non ricordo quali, non mi è mai capitato.

      Se non si trova il modo di disabilitare questo blocco, l’alternativa è editare i files via FTP.

      Roberto

      L’alternativa

  4. Poeta d'Azione 11 Mag 2016 at 01:15 #

    Il mio sito wordpress su http://www.poetidazione.it/blo
    non funziona più dopo lo spostamento da hostgator e Server.it –
    Provando ad aprire il link il sito tenta di scaricare un file. Se apro
    con http://poetidazione.it/blog senza www il blog si apre, ma se provo a
    cliccare sulle pagine succede che il blog tenta di scaricare sempre le
    pagine. Problemi di permessi o cosa? Non so risolvere. Inoltre in homesu http://www.poetidazione.it (pagina statica)
    sono spariti tutti gli 8000 MI PIACE che avevo. Server.it non mi fornisce assistenza adeguata anche se mi avevano garantito che passando da loro avrei avuto anche il trasferimento senza problemi.

    Sono disperato. Aiutatemi, grazie!

    • Roberto Rota 11 Mag 2016 at 09:50 #

      Ciao, probabilmente è un problema di permessi, ma per poter dire di più bisognerebbe dare un’occhiata sotto il cofano.

      Se hai bisogno di assistenza contattami in privato.

      rob

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram