WordPress 5.0, chi ha paura di Gutenberg?

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Aggiornamento WordPress Gutenberg

Ormai è questione di ore, WordPress 5.0 sarà una piccola rivoluzione.

Tutto ruota attorno a Gutenberg, il nuovo editor a blocchi di WordPress di cui sappiamo già tutto o quasi, ma soprattutto alle numerose incognite che lo circondano.

Dobbiamo dormire preoccupati?

Si e no, intanto il passaggio a Gutemberg sarà graduale, soprattutto non automatico (per quanto WordPress spinga in questo senso), e questo dovrebbe già rassicurare i più.

Si potrà scegliere, inizialmente, se rimanere sul classico editor o se buttarsi sul nuovo. Anche articolo per articolo o pagina per pagina, volendo.

Il problema, come sempre in questi casi, è la compatibilità con temi e plugin.

Molti team di sviluppatori stanno già lavorando in tal senso.

Il problema davvero grosso, sono i tanti siti che adottano ancora temi e plugin datati, anche di parecchi mesi o anni, che non vengono aggiornati perché non sono regolarmente licenziati, installati di straforo dal solito pseudo-sviluppatore di turno, o dal solito cugino, al momento di creare il sito.

Sono tantissimi, fidatevi, e questi sì avranno un sacco di problemi.

Ma torniamo a Gutenberg, ed all’aggiornamento imminente di WordPress.

Per iniziare, se non hai idea di cosa sia, puoi farti un idea di Gutenberg qui, dove puoi vedere il nuovo editor a blocchi in azione.

Che novità sarà mai? È da tempo che temi e visual composer ci hanno abituato a moduli e blocchi.

Vero, ma qui si stravolge il sistema, i blocchi sono alla radice dell’editor, è tutto quello che c’è attorno che si deve adeguare.

Tante volte l’ho consigliato, ma questa più che mai è l’occasione buona per creare un sito di test, o staging che dir si voglia, per verificare che dopo l’aggiornamento tutto funzioni a modino.

Soprattutto per i siti di e-commerce ed i siti multilingua.

Ed è anche l’occasione buona per non farsi prendere dal prurito dell’aggiornamento, quella voglia incontenibile di premere il pulsante “aggiorna” non appena esce qualcosa di nuovo.

Non serve un oracolo per immaginare che nel breve periodo verranno rilasciati diversi aggiornamenti, per risolvere gli inevitabili problemi di gioventù, sia di WordPress che di elementi terzi, temi e plugin.

Non è il caso di rischiare con un sito in produzione.

Tags: , , ,

Una Risposta a “WordPress 5.0, chi ha paura di Gutenberg?”

  1. dario 17 Dic 2018 at 12:51 #

    il nuovo aggiornamento di wordpress NON LO SCARICATE io ci sono rimasto fregato, questi idioti fanno sempre danni blocchi che non si tolgono una volta messi, va in conflitto con il plugin della newsletter, tutte cose diverse che per trovarle ci vuole un epoca, cose diverse, per fare un articolo prima ci mettevo 20 minuti adesso 1 ora è completo ed ha molte cose utili ma come praticità e funzionalità è zero… se metto il link di facebook non lo incorpora, mille bug, adesso per tornare a quella precedente dovrei riscaricare un plugin per i loro danni? incapaci dementi…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao, come posso aiutarti?
Powered by