Caratteri forti

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Da qualche parte ho letto, e mi dispiace non ricordarmi dove altrimenti lo citerei volentieri, che una buona scelta di caratteri in un sito web aumenta quella che, se non sbaglio, viene definita reading experience.

Di fatto, preoccuparsi di questo significa avere a cuore i propri lettori, esattamente come ci si preoccupa che un ospite si senta a proprio agio, offrendogli il posto migliore sul divano di casa.

Se devo essere sincero io del testo sul web, inteso come caratteri e scelte tipografiche, mi sono sempre preoccupato poco. Avevo il mio bel Verdana come punto di riferimento, non mi entusiasmava ma era sicuramente il meno peggio, per i miei gusti. Poi sono arrivati i Google Web Fonts e compagnia bella.

Vada per la reading experience allora.

Ho cercato tra i caratteri più utilizzati sul web quello che mi offriva una miglior sensazione alla lettura, ho scurito di un paio di punti il grigio del testo, modificato leggermente interlinea e spazio fra i paragrafi.

Ad un primo impatto, anche se mi riservo una seconda valutazione domani, a mente ed occhi più lucidi, sono abbastanza soddisfatto del risultato.

Spero sia lo stesso anche per te, critiche e suggerimenti sono ovviamente ben accetti.

Tags: , , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. √ Un buon uso di paragrafi e capoversi migliora la lettura sul web | Roberto Rota - 14 Gen 2013

    […] la difficoltà di lettura di un articolo sul web è dovuta dalle impostazioni tipografiche, spesso e volentieri la funzione “Reader” di Safari mi viene in aiuto. Anche in questo […]

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram