Localizzare un tema child di WordPress (aggiornato)

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Per essere precisi, il titolo dovrebbe essere: tradurre un tema di WordPress e non perdere tutto al primo aggiornamento del tema.

Tradurre tema WordPress in italiano

Doverosa premessa: parliamo di temi predisposti alla localizzazione, non quelli in cui è necessario modificare tutti i file del template, che non dovrebbero più esistere.

Quando si vuole localizzare un tema, farlo parlare cioè nella nostra lingua, i file della lingua che ci interessa, esempio it_IT.po e it_IT.mo per la lingua italiana, di solito vanno posizionati assieme a quelli della lingua principale del tema, la cartella languages o lang, a seconda del tema.

Può succedere, nel caso di un aggiornamento del tema, che l’intera cartella del tema venga sovrascritta, e che la nostra fatica di tradurre il tema vada irrimediabilmente perduta, cancellata.

In caso di aggiornamento del tema, verrebbero cancellate anche tutte le personalizzazioni estetiche o funzionali effettuate sul tema, un vero disastro!

Per questo è caldamente consigliato di utilizzare sempre un tema child di WordPress.

La domanda allora sorge spontanea: come salvare la localizzazione di un tema se si usa un tema child?

Mi ero già posto il problema un paio di anni fa.

Semplice: i file della localizzazione non vanno messi nelle cartelle di cui sopra del tema originale, ma in una cartella “languages” dentro la cartella principale del tema child.

Con alcuni framework, esempio quello utilizzato nei temi di WooThemes, è sufficiente che i file di localizzazione siano nella cartella principale del tema child.

In questo modo il nostro tema child parla in italiano comunque, e in caso di aggiornamenti del tema originale non si perderà tutto il lavoro fatto per tradurlo.

Aggiornamento 12-12-12: questa pratica funziona con diversi temi, ad esempio tutti quelli di WooThemes ma non solo. Non funziona con tutti i temi. Per ovviare in qualche modo, probabilmente bisogna scrivere qualche istruzione in un nuovo file functions.php nel tema child, istruzioni che cambierebbero da tema a tema, immagino.

Questo la dice lunga sull’utilizzo di temi professionali, o comunque sviluppati bene, in cui vengono presi seriamente in considerazione tutti gli aspetti legati all’uso di temi child (e non solo).

Tags: , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. √ I temi child di WordPress e la localizzazione (aggiornato) | Roberto Rota - 10 Dic 2012

    […] problema risolto, basta mettere i file della traduzione direttamente nella cartella del tema child di WordPress. Soluzione facile… […]

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram