The Retailer e la modalità catalogo

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

The Retailer - tema WordPress premium per WooCommerce

Ho già espresso più volte la mia simpatia verso The Retailer, un tema WordPress nato per WooCommerce.

Mi piace la sua sobrietà e (apparente) semplicità, non fatevi trarre in inganno dalle mille slide e cotillons.

Lo prendo ad esempio, questo giro, per segnalare l’attenzione che alcuni sviluppatori cominciano a riporre sempre più alle richieste degli utenti, anche se magari non vengono espresse direttamente per lo specifico tema.

È una cosa particolarmente apprezzabile, molto di più degli inutili gadget e delle pesanti funzionalità di cui purtroppo questi  temi finiscono per essere ben farciti.

Mattoni di codice che servono solo come specchietti per le allodole, e che finiscono per appesantire drammaticamente le installazioni, specie negli hosting meno performanti, quando non vanno a compromettere la sicurezza di tutto il sistema.

The Retailer, ad esempio, nelle ultime versioni ha inserito la possibilità di configurare, direttamente nei settaggi del tema, alcune opzioni molto interessanti e sempre più richieste:

  • WooCommerce in modalità catalogo (senza prezzi e possibilità di ordinare per capirci)
  • Modifica della stringa per evidenziare i prodotti esauriti, la classica “Out of stock”
  • Modifica della stringa per evidenziare i prodotti in offerta, la classica “Sale!”

Si tratta di funzionalità o modifiche di cui più volte ho scritto anche in questo blog, fornendo anche le indicazioni per effettuarle, come ad esempio per modificare la stringa dei prodotti esauriti.

Di contro, di recente ha aggiunto pure l’ormai immancabile Visual Composer, un aggeggio diabolico assai discutibile che però va molto di moda.

Del resto, per vendere i temi tocca essere concorrenziali, non solo nel prezzo ma anche nelle funzionalità e pure per i gadget.

Tags: , , , , ,

21 Risposte a “The Retailer e la modalità catalogo”

  1. Paolo 26 Set 2014 at 14:13 #

    Ciao Roberto …mi associo con te per le qualità di questo tema.
    Volevo chiederti se per caso conoscevi qualche plugin che permetta di inserire un campo nella gestione dell’ ordine per poter inserire il numero di tracking della spedizione e contestualmente riportato nelle email di gestione inviate al cliente.

    Grazie

    • Roberto Rota 26 Set 2014 at 15:46 #

      Ciao Paolo,

      plugin per inserire campi aggiuntivi ce ne sono diversi, ma non me ne viene in mente nessuno che possa interagire anche con le mail dell’ordine.

      Se scopro di più ti aggiorno.

      rob

  2. Paolo C 27 Set 2014 at 14:06 #

    Ciao Roberto, solo una cosa al volo. Scrivi: …stringa per evidenziare i prodotti esauriti, la classica “Sale!”. Epperò SALE sta per SALDI, IN SALDO mentre un prodotto venduto e non più disponibile si etichetta come SOLD. Un’inezia, ma magari ci tieni a sistemarla. Sito interessantissimo, mi iscrivo subito alla newsletter con mio blog.

    E… per rispondere a chi mi ha preceduto, ci sarebbe WooCommerce Checkout Manager, che è pure in italiano.

    • Roberto Rota 27 Set 2014 at 15:01 #

      Grazie Paolo, dovevo essere un po’ cotto quando scrivevo 🙂

      Vado a correggere…

      rob

  3. Paolo 7 Ott 2014 at 11:43 #

    Ciao Roberto,

    per caso hai mai utilizzato il tema Flatsome?

    Grazie

    • Roberto Rota 7 Ott 2014 at 11:55 #

      Ciao Paolo, no non mi sembra di averlo mai utilizzato

      rob

      • Paolo 7 Ott 2014 at 12:18 #

        No problem … se ti capita dagli un occhiata perchè è veramente interessante

        La domanda era comunque questa:
        Ho la necessita di eliminare l’ ordinamento del catalogo e e il conteggio dei prodotti dalla catalogo e come faccio di solito ho inserito nel function.php questo snippet:

        remove_action( ‘woocommerce_before_shop_loop’, ‘woocommerce_catalog_ordering’, 30 );
        remove_action( ‘woocommerce_before_shop_loop’, ‘woocommerce_result_count’, 20 );

        ma questa volta continua ad esserci …

        Qualche suggerimento ?

        Grazie

        Paolo

  4. Ferdinando 5 Nov 2014 at 17:02 #

    Ciao Roberto, ho installato il tema The Retailer ma non riesco a capire come fare per tradurre delle parti di esso come ad esempio le diciture VIEW SHOPPING BAG PROCEED TO CHECKOUT che appaiono quando installo i widget.
    Grazie

    • Roberto Rota 5 Nov 2014 at 17:17 #

      Come procedi per la localizzazione?

      rob

      • Ferdinando 5 Nov 2014 at 21:41 #

        cioè?

        • Ferdinando 5 Nov 2014 at 21:42 #

          manualmente non uso nessun plugin per la localizzazione

          • Roberto Rota 5 Nov 2014 at 22:03 #

            Le stringhe che cerchi sono nel file di lingua originale in inglese, sono perfettamente traducibili con Poedit o altro strumento per la creazione di un file di lingua italiano.

            rob

  5. Ferdinando 5 Nov 2014 at 22:06 #

    /www.miosito.it/wordpress/wp-content/themes/theretailer/languages
    en_US.mo en_US.po ho tradotto con poedit ho sovrascritto i file ma niente

    • Roberto Rota 5 Nov 2014 at 22:16 #

      Si proprio quelli.

      Non so che dirti, forse stai sbagliando qualcosa che mi sfugge, io ho localizzato il tema sia con Poedit che con WPML ed in entrambi i casi ha sempre funzionato.

      rob

  6. Ferdinando 5 Nov 2014 at 22:17 #

    http://www.valu-twins.it/wordpress/categoria-prodotto/uomo/ se guarda nella parte di sinistra mi appaiono le diciture da tradurre sono dei widget

  7. Ferdinando 5 Nov 2014 at 22:21 #

    http://www.valu-twins.it/wordpress/categoria-prodotto/uomo/ come puo notare nella parte di sinistra mi appaiono ancora le diciture da tradurre

    • Roberto Rota 5 Nov 2014 at 22:24 #

      Io vedo che è tutto da tradurre, non riesco a vedere stringhe del tema tradotte.

      La stringa “view shopping bag” ad esempio è in più parti del tema, e in nessuna è tradotta.

      rob

  8. Ferdinando 5 Nov 2014 at 22:26 #

    e come mi consiglia di fare? di comprare a questo punto wpml?

    • Roberto Rota 5 Nov 2014 at 22:30 #

      WPML ha senso solo se vuoi fare un sito multilingua, altrimenti è un inutile appesantimento del sistema.

      Secondo me, se hai modificato i files di lingua originali, ripristinali da quelli originali.

      Quindi puoi usare gli stessi file per creare le versioni in italiano (it_IT.mo e it_IT.po) tramite Poedit e uploadarli nella cartella languages del tema, oppure usare il plugin Codestyling Localization e fare tutto da dentro WordPress.

      rob

  9. Ferdinando 6 Nov 2014 at 01:36 #

    Ho risolto facendo una copia dei file en_US.mo en_US.po poi ho modificato il .po traducendo le stringhe che mi servivano e rinominando il file in it_IT.po e creando il relativo .mo ho uppato il tutto assieme ai file en ed il gioco è fatto

    • Roberto Rota 6 Nov 2014 at 08:41 #

      È un approccio non proprio accademico, ma se fatto correttamente funziona 😉

      rob

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram