Riccardo lavora con la mucca

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Riccardo lavora al computer

Riccardo ogni tanto deve lavorare.

“Papà, dammi il computer che devo lavorare”. Papà lavora al computer. Probabilmente si vendica pure di tutte le volte che io gli dico che qualcosa non si può fare, o che bisogna aspettare cinque minuti, perché papà deve lavorare.

Allora si arrampica sulla mia sedia, afferra sicuro il mio mouse e va nell’angolino in alto a destra, e cambia utente.

“Papà ho messo la mucca”. La mucca è il suo utente, perché  ha una bella mucca colorata come sfondo scrivania. Prima era Bob l’aggiustatutto, poi ha deciso che la mucca gli piaceva di più tra le decine di sfondi che gli ho messo a disposizione.

Quando si stanca di uno sfondo, apre le preferenze del sistema e lo cambia. Li sfoglia accuratamente prima di scegliere. Ultimamente gliene ho fatti trovare alcuni di nuovi, dei suoi cartoni preferiti, ma alla fine torna sul suo preferito. La mucca.

Poi chiama la nonna, o lo zio, con Skype. Con il suo account Skype.

La nonna si ingarbuglia con Skype, non riesce mai ad accendere la webcam, e i primi minuti passano con lei che impreca, e Riccardo che la sgrida, che non è capace.

Quando non lo vediamo, si diverte come un matto a farsi delle foto. Smorfie con la webcam, e Photo Boot.

Ci sono anche i disegni da colorare, ma è più divertente fare disegni astratti, a mano libera.

Anche l’iPad di papà è molto divertente.

“Ecco papà, ho finito di lavorare, puoi lavorare tu…”. Riccardo torna ai suoi giochi, i suoi pupazzi, le sue macchinine, le costruzioni.

Riccardo ha meno di tre anni.

Non me lo ricordo, ma a tre anni probabilmente io non andavo oltre le biglie con i ciclisti, le macchinine, i soldatini.

Tags:

Nessun commento ancora.

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram