Pensieri da vecchi

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

L’aria condizionata dell’auto mi ha lasciato a piedi, ovviamente nei giorni più caldi dell’anno.

Tanti i pensieri, specialmente quelli negativi verso una nota azienda automobilistica francese e la sua officina a Vignola, ma uno in particolare mi ha colpito, tra me e me.

Pensavo che, i primi anni in cui guidavo un’automobile, l’aria condizionata praticamente era una cosa solo per ricchi, la maggior parte delle auto alla portata dei più non ce l’aveva, e d’estate tutti con i finestrini aperti, anche a velocità sostenute. Ci eravamo abituati, era la normalità.

Mi sono sorpreso a ragionare come avrebbe ragionato mio padre, e mio nonno prima ancora, e mi sono stupito non poco.

Domani però vado a dirgliene quattro al malefico meccanico…

2 Risposte a “Pensieri da vecchi”

  1. pepo154 22 Ago 2011 at 01:48 #

    E comunque ancora oggi ad alcuni da fastidio l’aria condizionata e viaggiano con i finestrini aperti, non è così tanto raro 😀

    • robrota 22 Ago 2011 at 01:58 #

      Ai tempi della mia 128 berlina non potevi scegliere… finestrini aperti o morire di caldo 😀

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram