Mi piace quadrato

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Credo di aver capito qual’è il motivo per cui mi piace molto Instagram.

Non l’aspetto di socializzazione, che pure non guasta, non i filtri, piacevoli anche questi ma che alla lunga (o abusandone) possono annoiare, ma il formato quadrato. Un’impostazione che ti obbliga a ragionare in virtù di questo formato al momento di scattare.

Forse perché mi ricorda i bei tempi della mia gioventù fotografica, in cui uscivo a far foto per passione con la Rolleiflex prima, e con l’Hasselblad poi, una 500 CM acquistata usata con molta fatica, nonostante avessi un corredo reflex di tutto rispetto.

Le 6×6 le utilizzavo inizialmente per fare i matrimoni, e da giovane ne facevo parecchi, poi ho cominciato ad usarle anche nelle uscite domenicali, nonostante il peso in più nella borsa già gravata da un paio di corpi macchina reflex e una manciata di ottiche (fisse, non zoom).

Forse perché sono ancora fermamente convinto che una fotografia nasca nella nostra testa, prima di fare il fatidico clic.

Ora non so quanti effettivamente al momento di scattare una foto con il cellulare ci pensino a questa cosa del formato quadrato, sicuramente devono farci i conti poi, al momento di pubblicarla con Instagram.

Chi ci pensa già al momento dello scatto, a mio avviso sicuramente parte avvantaggiato.

(Se poi lo smartphone prevede una griglia sul display al momento di scattare, meglio attivarla, che sicuramente aiuta!)

Istagram e il formato quadrato

Tags: , ,

Nessun commento ancora.

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram