Il salamello (marcondirondirondello) e il social network

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

salame casereccio

Ieri sera ero a casa da solo, poca voglia di uscire e di vedere gente. Ad una certa ora mi sono reso conto che il mio pancino (eufemismo) reclamava cibo, e mi sono ricordato di avere un salame fresco casereccio che urlava “affettami, mangiami..”, delle castagne ed una buona e sacrificabile bottiglia di vino del trentino. Una cena che ve la raccomando…

Mentre mi gustavo queste delizie pensavo tra me e me che tutta questa cosa dei social network, delle community virtuali e della condivisone in rete in fin dei conti è una bella panzanata. Si certo qualche scambio di battute divertente puo’ venir fuori, ma un salamello così buono ti voglio vedere a condividerlo su Facebook…

Quella di Facebook e compagnia bella è un’astrazione, una manipolazione dei valori.
Un accogliente tavolaccio di legno, qualche bel salame, castagne calde e vino novello, facce allegre, questa sì che è “condivisione”…

La prossima volta, al prossimo salamello marcondirondirondello (chissà perché questa filastrocca mi ossessiona da ieri),  mi organizzo meglio…

Tags: ,

Una Risposta a “Il salamello (marcondirondirondello) e il social network”

  1. Federico 14 Gen 2010 at 11:53 #

    Rifacendomi al tuo articolo http://robrota.com/due-belle-tette-tirano-tanti-click direi che per me è sicuramente meglio un buon salamello da degustare in prima persona piuttosto che ammirare due zizze virtuale!

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram