Ciao Enzo, salutaci Giorgio…

ATTENZIONE: questo articolo è stato scritto oltre un anno fa, ed i contenuti potrebbero non essere più validi o compatibili. Sei pregato di tenerne conto, e se hai informazioni in merito di segnalarmele, grazie.

Enzo Jannacci

Mamma che luna che c’era stasera
Raccontami una favola presto
Ho l’impressione di perderti ancora
è una serata bellissima
Fammi conoscere il mondo dei poveri
Accompagnami nelle mie cose stasera
Fammi sentire addosso il tuo sguardo
Dimmi se è tutto vero
Dimmi se esistono gli angeli
Portami in una miniera
Mamma che luna che c’era stasera
Si sente persino il profumo del sole
E’ un mondo di gente di paglia
Non capiscono il cielo
Mamma che luna che c’era stasera
C’è chi l’ascolta in punta di piedi
La guarda un bambino che mi viene vicino
Mi dice: “adesso ti porto laggiù alla miniera”
Che sguardo sereno era il mare di ieri
Mai come ieri brillava la luna
Forse anche tu la vedevi la luna
Forse perchè quella luna eri tu

Nessun commento ancora.

Dubbi o suggerimenti? Lascia un commento!

I love Instagram